Categories! Senza una colonna

Internet ci rende più gentili e più creativi?

I social network sono spesso accusati di guidare le persone dalla realtà e di causare depressione. Lo psicoterapeuta Mark Sandomirsky è fiducioso nel contrario: “Network” è utile per la salute mentale.

Internet è più criticato dal fatto che una persona immersa sulla rete diventa meno socievole nella vita reale. Forma un pensiero superficiale, così chiamato “clip”, le sue emozioni sono espresse in modo diverso da quella delle persone “non setlettle”. Infine, si può formare la dipendenza da Internet, come dal gioco d’azzardo o dalle sostanze psicotropiche.

Sì, questi sono davvero i minus. Ma ci sono vantaggi. Il cervello dell’utente entusiasta di Internet passa allo stato speciale “per bambini”, che è anche chiamato modificato, questo è confermato da vari studi.

Quando un adulto passa a tale stato, restituisce il cervello al cervello, la capacità di cambiare, catturare nuove informazioni. In generale, questo dà un maggiore apprendimento e a qualsiasi età. E questo è senza dubbio un enorme vantaggio di nuove tecnologie.

La maggiore capacità di creatività è accompagnata da una maggiore socievolezza, dalla capacità di comunicare e di interazione, sebbene virtuale. Ad esempio, Wikipedia è stata scritta da milioni di adulti che si sono radunati, proprio mentre i bambini si radunano nella sandbox e giocano nei giochi che hanno inventato.

Aborigeni e immigrati

I neurophysiologi oggi in tutta la serietà dividono le persone in due categorie: le generazioni più anziane, adattate a nuove tecnologie in età consapevole e la giovinezza, che usa Internet letteralmente dai pannolini.

I primi sono “immigrati digitali”, i secondi sono “nativi digitali” e il loro cervello è organizzato in modi diversi. In particolare, i “nativi digitali” vengono effettivamente trovati ed elaborati, prendono rapidamente la decisione giusta. Ma diventano una zona cerebrale meno attiva, che è responsabile del pensiero astratto, della capacità di concentrare diminuisce e si manifesta il deficit di attenzione.

Secondo me, le conseguenze positive dell’immersione sulla rete prevalgono in modo negativo. I critici indicano che la crescita della comunicazione nei social network ha coinciso con un aumento del numero di disturbi depressivi. Ma penso che questi fenomeni potrebbero non essere collegati tra loro.

Una persona che sente la solitudine va a Internet per la comunicazione, ma non

“Giuro, ho sentito questa cosa ogni volta un paio di mesi! Allora la sensazione ha cominciato a paffuto. diario di un seduttore termale con trucchi segreti so se la spirale si alzò diversamente, o ne ero abituato. Ma è molto conveniente quando non hai bisogno di pensare alla contraccezione, il sesso è diventato molto più piacevole. ” Maxim, 29 anni

smette di essere amici nella vita reale a causa di legami virtuali. Certo, dobbiamo ammettere che l’umanità del futuro diventerà abbastanza infantile. Tuttavia, è improbabile che Internet stesso possa incolpare.

I sociologi hanno a lungo previsto una tendenza così globale. Internet, piuttosto, compensa gli aspetti negativi della vita, offre un nuovo impulso di creatività e nuove opportunità di comunicazione.

Naturalmente, in parte Internet ruba una persona, usando non tutti i sensi e non tutte le possibilità del cervello nella percezione delle informazioni. Ma negli ultimi anni, la comunicazione su Skype, WhatsApp, nei social network è diventata pubblicamente disponibile. E sviluppa l’empatia nel miglior modo possibile: la capacità di comprendere le emozioni di un’altra persona e rispondere a loro.

La comunicazione di massa su Internet e sui social network include il meccanismo di interazione sociale, che nella vita ordinaria non è praticamente richiesto. E spero che questo aiuti l’umanità in futuro a superare l’inevitabile divisione in linea, a essere più vicini tra loro e alla fine – più felice.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *